1  PREMIO

“La Sofferenza” presentato dalla classe V B della Scuola Primaria San Giovanni Bosco di San Benigno Canavese

        Visualizza l'immagine ingrandita   

Una stanza bianca, un comodino, un letto, un sorriso spento e una lacrima che bagna quel viso che non ha più colore...

L’abbraccio del piccolo e le sue carezze per ridare attimi di luce agli occhi e la speranza che ci sono ancora sorrisi nei freschi e semplici giochi di un pagliaccio.

Commento a cura della Dr.ssa Marilia Boggio Marzet:

Il primo premio è stato conferito ad un disegno particolare sia dal punto di vista della tecnica di esecuzione (il collage)sia per la scelta del tema dell’anziano ricoverato in ospedale, sia per le emozioni  che suscita ( la bambina seduta sul letto della nonna, che con la sua vicinanza comunica affetto autentico e sincero) ed il clown colorato ( un simbolo della allegria infantile che viene portato nel mondo della sofferenza adulta per portare un sorriso ed un po’ di gioia), le pantofole ai piedi del letto come prognosi positiva alla malattia dell’anziana che potrà alzarsi e camminare, i cassetti del comodino colorati e semiaperti ad indicare apertura nei sentimenti e nelle emozioni, l’altra anziana nel letto da sola in contrasto con la precedente, il tutto su  uno sfondo bianco caratterizzato dalle righe scure delle piastrelle del pavimento luminoso e foriero di buoni auspici.

 

2  PREMIO

“Solo, Solamente, Solitudine” presentato dalla classe V della Scuola Primaria “Sandro Pertini” di Montanaro

       Visualizza l'immagine ingrandita

Si è voluta evidenziare la confusione mentale che l’anziano a volte manifesta in relazione ad un mondo accelerato dove tutto scorre velocemente lasciando a tutti una sensazione di vuoto, anche affettivo. un mondo fatto di immagini e di contraddizioni, dove tutto è globale, si vorrebbe contrapporre la semplicità di un gesto, un gesto qualsiasi che racconti un affetto, un legame.

Commento a cura della Dr.ssa Marilia Boggio Marzet

Il secondo premio è stato dato ad un collage che seguendo il criterio gestaltico della “figura sfondo”, su uno sfondo di immagini tratte dai fumetti infantili che si sovrappongono creando un gioco di colori, fa emergere la figura di un anziano con un  bastone che tiene per mano un bambino. Entrambi al posto del cuore tengono l’immagine dell’altro. Solo attraverso il sostegno reciproco si può superare la solitudine dell’anziano ma anche quello del bambino.

 

3  PREMIO

“L’amore vince la solitudine” presentato dalla classe V E della Scuola “Santorre di Santarosa” di Torino

     Visualizza l'immagine ingrandita

Il disegno è diviso in due parti: la prima parte, quella grigia, rappresenta la solitudine degli anziani e la loro sofferenza nel restare da soli; la seconda parte, quella arancione, raffigura la gioia e la felicità che un bambino può donare ad un anziano.

Entrambe le realtà, quella degli anziani e quella dei bambini, pur essendo profondamente diverse, hanno in comune la necessità di condividere gioie e dolori.

Per affrontare con successo la vita sono infatti necessarie la saggezza e l’esperienza degli uni unite alla vitalità e alla spontaneità degli altri.

Commento a cura della Dr.ssa Marilia Boggio Marzet

Il terzo premio è stato assegnato ad un disegno che, attraverso una divisione in diagonale, rappresenta da una parte su uno sfondo grigio due anziani rappresentati in un momento di vita quotidiana ( l’uomo davanti alla televisione, la donna mentre spolvera), percepiti dal bambino soli e tristi in contrasto con l’altra parte del disegno, vivace e colorata, in un parco in compagnia di bambini. Il messaggio che viene lanciato da questo disegno è che l’amore vince la solitudine: un messaggio  indubbiamente positivo  ma che non può essere esaustivo perché l’amore non basta ci vuole  una pianificazione generale di protezione e di tutela dell’anziano, strutture di accoglienza adeguate ed aperte all’esterno, una educazione dell’infanzia alla cura dell’anziano.

 

                                                                                                                                                                                                                                                            TORNA SU'